news ambiente Leonardo Di Caprio

L’impegno dell’attore per Madre Terra è davvero incredibile.

“La distruzione del nostro pianeta continua a un passo che non possiamo più permetterci di ignorare. Abbiamo la responsabilità di creare un futuro in cui l’abitabilità del nostro pianeta non arrivi a spese di coloro che ci abitano” – Leonardo Dicaprio

Leonardo Di Caprio è impegnato da anni nella battaglia della tutela ambientale attraverso la propria fondazione “Leonardo Di Caprio Foundation” (https://www.leonardodicaprio.org). Non solo. L’attore ha sviluppato 2 filmati di grande impatto comunicativo sull’acqua e sul riscaldamento climatico con Global Green (filiale statunitense di Green Cross International) e ha partecipato alla conferenza stampa di Green Cross durante il Summit di Johannesburg per chiedere al presidente George W. Bush di presentarsi al vertice della Terra per lo sviluppo sostenibile e adottare misure immediate volte a fronteggiare il cambiamento del clima, favorire la potabilizzazione dell’acqua e aprire la strada ad uno sviluppo etico e sostenibile.

I suoi traguardi e progetti non finiscono qui. Nel 2014 l’attore fu nominato “messaggero di pace” delle Nazioni Unite da parte dell’ONU con focus principalmente sui cambiamenti climatici. La “Di Caprio Foundation” ha annunciato successivamente una collaborazione con Netflix, colosso dello streaming, per la produzione di una serie tv su temi ambientalisti.

Le sue donazioni a favore dell’ambiente sono state numerose e cospicue: finanziò con 7 milioni di dollari il progetto di Obama per la tutela degli oceani; finanziò più di 80 progetti ambientali in oltre 40 paesi del Mondo; infine nel 2013 organizzò un asta di notevoli dimensioni per sostenere la sua fondazione ambientale. Tra le organizzazioni che sono state finanziate vi è Amazon Watch, Save the Elephants, Tree People e Wwf.

Particolare rilievo sul tema green assume il suo ultimo ruolo nel film “The Revenant” in cui interpreta un uomo che riscopre se stesso e le sue origini esplorando la natura nuda, pura e selvaggia del 1820; epoca in cui l’uomo bianco incomincia a violentare l’ambiente a caccia di pelli e legnami (ancora prima di petrolio e oro).

Il sogno o il possibile progetto futuro di Di Caprio sarebbe quello di creare uno dei film più belli e memorabili della storia mondiale sul tema della tutela ambientale. Ci riuscirà??

Ai posteri l’ardua sentenza.