green economy

Una botta “green” nel parlamento italiano

ECCO LE NOVITA’:
1) Misure di penalizzazione del conferimento dei rifiuti in discarica
2) Agevolazioni fiscali per i comuni virtuosi.
3) Promozione del compostaggio domestico
4) Promozione dell’economia circolare. L’economia circolare è un modello che pone al centro la sostenibilità del sistema economico, in cui non ci sono prodotti di scarto e in cui le materie vengono costantemente riutilizzate. Si tratta di un sistema opposto a quello definito ìlineareî, che parte dalla materia e arriva al rifiuto.
5) Introduzione da parte dei comuni di un numero elevato di posaceneri cittadini.
6) Multe: dai 30 ai 300 euro per chi butta a terra mozziconi di sigaretta, piccoli rifiuti e chewing gum.
7) Vuoto a rendere nei bar e nei ristoranti per i produttori di acqua e birra. Il termine vuoto a rendere indica che un contenitore una volta svuotato dev’essere reso al fornitore, cosÏ che possa essere riutilizzato.
8) Incentivi e credito di imposta per le aziende che lavorano con materiali che derivano dalla raccolta differenziata o con materiali di recupero.
9) Estensione assicurazione INAIL per i lavoratori che andranno a lavorare in bicicletta.
10) Finanziamento di 35 milioni di euro per progetti piedibus, car-pooling, car-sharing, bike-pooling, bike-sharing. Il piedibus o pedibus è una forma di trasporto scolastico per gli alunni delle elementari e medie inferiori che vengono accompagnati a piedi a scuola da adulti con le stesse modalità (percorsi, fermate) dello scuolabus. Il car-pooling e il bike-pooling stanno a indicare invece l’utilizzo di una sola automobile bicicletta da parte di un gruppo di persone che compiono abitualmente lo stesso tragitto. Il car sharing e il bike sharing stanno a indicare un servizio che permette di utilizzare un’automobile o una bicicletta su prenotazione, prelevandola e riportandola in un parcheggio, e pagando in ragione dell’utilizzo fatto.
11) Istituzione di un fondo di 10 milioni per la abolizione di edifici e opere realizzate in zone a elevato rischio idrogeologico.
12) Istituzione di un fondo per la mitigazione del rischio idrogeologico
13) Istituzione di luce LED nei nuovi semafori.
14) Inclusione per il conteggio degli incentivi degli impianti biomassa e biogas.
15) Le imprese che nel 2016 avranno operato nella bonifica dell’amianto potranno godere del credito d’imposta al 50%.
16) Lo Stato investirà circa 20 milioni di euro in bonifiche 5,667 milioni per ciascuno degli anni 2017, 2018 e 2019.
17) Istituzione di un fondo per la bonifica di alcuni edifici pubblici.
18) Impignorabilità degli animali d’affezione, da compagnia o utilizzati a fini terapeutici e assistenziali
19) Istituzione del mobility manager scolastico. Esso è un referente interno in ogni scuola, per favorire e sviluppare la mobilità casa-scuola sostenibile e sicura.
20) Istituzione di un fondo di 1,8 milioni di euro istituito per le Aree Marine Protette
21) Riforma dell’ENEA (Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie , l’Energia e lo sviluppo economico).
22) Istituzione della responsabilità del trasportatore in caso di sversamento in mare di sostante pericolose
23) Possibilità di creare nelle città le ìOil Free Zoneî, zone libere da fonti fossili.
24) Creazione di una ìstrategia della Green Communityî per le comunità montane e rurali che intraprendono la via della sostenibilità
25) Istituzione del Marchio “Made Green Italy” che certifica i prodotti a “km 0” e provenienti da produzioni agricole e industrie sostenibili.